Archivi per la categoria ‘persuasione’

Le Neuroscienze. Condivido un video molto interessante sulle nostre scelte emozionali.

Barbara Serra e Silvia Bencivelli entrano nel mondo della pubblicità per scoprire come reagisce il nostro cervello alle più raffinate tecniche di persuasione.

Un giorno la paura bussò alla porta,

il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno.

(Martin Luther King)

Vent’anni fa quando facevo l’operaio, un pensiero ricorrente, mi tormentava l’esistenza: sto facendo davvero quello che vorrei fare? Sto vivendo la vita che vorrei? A cosa serve continuare a lamentarsi di non fare quello che si vorrebbe ma allo stesso tempo non fare niente per cambiare? Quando decisi la svolta avevo già trent’anni ma essendo un eterno studente non mi feci il problema di ricominciare da zero. E così intrapresi una nuova vita: il venditore porta a porta. Per 15 anni ha dovuto affrontare migliaia di difficoltà esterne ma soprattutto interiori. Ringrazio il mio coraggio per avermi dato la forza di cambiare e di aver imparato così tanto dalle persone che ho incontrato in questo affascinante viaggio. Ma soprattutto grazie per quello che ho conosciuto di me stesso.

 

OK, ho parlato fin troppo di me. Adesso ti presento il terzo relatore dello straordinario evento che si terrà il 15 e 16 ottobre a Bologna: Seminario Intensivo S.I. al quale ti invito calorosamente a partecipare: Anthony Smith.

Anthony Smith è uno dei docenti più innovativi nello sviluppo delle risorse umane e del miglioramento personale, e tra i trainers più dinamici in Italia, con quindici anni di esperienza corporate in due aziende multinazionali americane, NIKE e Levis, dirigente in ambito italiano ed europeo.

Nel 2004 ha fondato JOLTEN Educational Events and Entertainment, con sede a Bologna. La società nasce con lo scopo di sostenere le aziende ed i loro dipendenti nel raggiungimento di risultati ottimali per ciò che riguarda leadership e pianificazione strategica.

Che significa JOLTEN? In inglese, la parole JOLT significa scossa! Ed è proprio ciò che JOLTEN fa per i suoi clienti: con un solido contenuto di base insieme ad una comunicazione estremamente efficace, dà una scossa alla formazione e ai corsi, ai seminari e alle presentazioni statiche e noiose.

Eccoti un video in cui esprime le sue eccellenze

Visto che energia? Ritornando a “Il coraggio di cambiare” che è anche il titolo di un suo libro ti riporto un estratto molto interessante:

La storia dei quattro amici al bar

(tratto da Il Coraggio di Cambiare di Anthony Smith)

Un giorno quattro vecchi amici, tutti attorno alla settantina di anni, stavano facendo la prima colazione al bar. Io entrai a prendere il mio solito cappuccino con brioche.
Non potei fare a meno di ascoltare la conversazione dei quattro amici.
Sembrava stessero riflettendo sulla loro vita passata.
Uno di loro disse: “C’è sempre stato qualcosa che avrei voluto fare nella mia vita ma che non ho mai trovato il coraggio di fare. Mi è sempre sembrato troppo rischioso.  Mi chiedo cosa sarebbe stato se l’avessi fatto”.

Il secondo amico disse, “C’è sempre stato qualcosa che avrei voluto fare nella mia vita e l’ho fatto. Sfortunatamente non ha funzionato ma sai una cosa? Sono in pace con me stesso. Sono felice che almeno c’ho provato. Adesso almeno non mi arrovello più il cervello a chiedermi come sarebbe stato se…”

Il terzo amico disse, “C’è sempre stato qualcosa che avrei voluto fare nella mia vita e l’ho fatto! Ho provato ed ha funzionato!  È stata la migliore decisione che ho preso nella mia vita e sono veramente felice di averla presa. Non voglio nemmeno immaginare cosa sarebbe stato se non avessi avuto il coraggio di tentare!”.

Il quarto amico disse, “Io posso onestamente affermare di aver vissuto la vita che avrei voluto vivere. Se dovessi voltarmi indietro, non c’è nulla che cambierei. Terrei tutto così come è. Amo la mia vita e sono felice nel modo in cui vivo.”

Quando avrai l’età di questi quattro amici, che storia racconterai?

Sai bene che una volta raggiunta quell’età, la tua storia sarà quella che sarà senza aver più la possibilità di cambiarla.
Se vuoi influenzare l’esito finale della tua vita, non c’è tempo migliore del presente per iniziare a fare un cambiamento.

 

Ci vediamo al Seminario Intensivo S.I.? Io ci sarò!


 

P.S. Sono riuscito a farmi dare il primo capitolo del libro “Il coraggio di cambiare” puoi scaricarlo QUI.

 

Buone Vendite!
Sandro

Il titolo di questo post è la frase preferita di Beau Toskich, definito “World leader in marketing ” dal MANAGEMENT CENTRE EUROPE (MCE) di Bruxelles, Beau Toskich è l’autore di tre best seller in Italia: “LA STRATEGIA DELL’UOVO FRITTO”, “VERBAL DRIVER”  e “DA TRENO A TAXI” al momento tutti esauriti su ogni bookstore online!

Collabora, tra gli altri, con IBM Italia, GlaxoSmithKline Italia, Lexus, Pirelli, Telecom Italia, Banca per la Casa Spa Gruppo Unicredit e Fiat.

Dicono di lui:

“Dietro a due occhiali a specchio si nasconde la parola affilata: un guru americano della comunicazione competitiva.” (Il Giornale)

…………………………………………

“Beau cerca di uscire dalla pianura del parlato per portare i suoi interlocutori in una dimensione superiore, una sorta di estasi permanente, il cerchio degli eletti dove le parole accendono passioni.” (Il Sole 24 ore)

…………………………………………

“Direttamente criptico. Sicuramente innovativo. Brutalmente onesto.” (La Stampa)

 …………………………………………

“Un guru della comunicazione e della formazione manageriale.” (Reuters)

 …………………………………………

“Beau Toskich ha inchiodato alle sedie i presenti con il suo intervento ‘Brand me, brand you’  quaranta minuti di show da brivido e due minuti esatti (cronometrati) di applausi.” (Quattroruote)

…………………………………………

Qui sotto un video sul “Brand”:

…e due video su come spremere la crisi:

C’è una Ferrari nella tua grinta?
C’è un Armani nel tuo stile?
C’è una Nutella nella tua tentazione?

Scommetto che si può.

Beau Toskich

P.S. Ho raccolto in un ebook in formato PDF una rassegna stampa di Beau! Scaricalo QUI

Buone vendite!

Sandro

In questo post, e nei prossimi tre, ti voglio raccontare perchè io ci sarò al Seminario Intensivo S.I. “Persuasione, negoziazione, vendita”, il Seminario full-immersion di Performance Strategies dedicato alla scienza della persuasione.

Tre fuori classe internazionali della comunicazione e della persuasione, Kurt Mortensen, Beau Toskich e Emanuele Maria Sacchi, condotti Anthony Smith, uno dei trainer più innovativi nello sviluppo delle risorse umane e del miglioramento personale, ci daranno tutti gli input e le strategie per fare della nostra vita e della nostra professione un tempo di soddisfazioni e successo.

Te li presento uno per uno, partiamo da Kurt Mortersen

La cosa che più colpisce in Kurt Mortersen è la sua aperta semplicità, divertente e divertita, unita a un’energica autorevolezza che evidenzia immediatamente la sua eccellente strategia.

Non potrebbe essere altrimenti visto che negli ultimi 15 anni i suoi straordinari risultati gli hanno permesso di essere uno dei maggiori riferimenti mondiali per aziende, manager, venditori e per tutte quelle persone che hanno deciso di fare della propria esistenza un modello di successo personale e professionale.

La sua equazione è giungere al minor tempo impegnato ottenendo  i massimi risultati, riuscendo a comunicarti tutto quello che sa per portare la tua vita e i tuoi guadagni a un livello di gran lunga superiore. In soli due giorni.

Partecipare ai suoi workhop ti mette subito in una dimensione di sicurezza, agio e rispettosa confidenza come davanti ad un caro e geniale amico che vuole condividere, in modo chiaro e generoso e immediatamente attuabile, tutte le sue acute strategie per avere i migliori risultati in ogni dettaglio della tua esistenza.

La sua esperienza nel campo della persuasione e delle tecniche di vendita lo ha portato a scrivere tre libri di grande successo (Persuasion IQ, Maximum Influence, Le leggi del Carisma) attraverso i quali milioni di persone, hanno perfezionato e fatto proprie le sue sottili ed efficaci modalità di persuasore.

Kurt Mortensen ha nell’approccio e nello sviluppo della negoziazione un tratto distintivo per correttezza, empatia e innovazione che ribaltano la vecchia scuola persuasiva e i suoi molti errori di contenuto e risultato.

Lo seguo da molto e da molti anni speravo di poterlo conoscere dal vivo senza dover volare all’estero con un notevole investimento economico, soprattutto per viaggio e permanenza che sono sempre cifre che spesso triplicano la partecipazione ad eventi di questo tipo. 🙁

E finalmente ci ha pensato Performance Strategies creando questa opportunità imperdibile per me e le molte persone che desiderano accedere al meglio con uno dei migliori e concreti motivatori esistenti al mondo.

Ti aspetto per condividere il primo seminario italiano di Kurt Mortensen, al quale naturalmente io parteciperò, il 16 e 17 ottobre a Bologna e che onestamente ti consiglio di non perdere.

Sono riuscito ad ottenere dal “boss” Marcello Mancini 3 ebook in regalo per te! 🙂 Scritti personalmente da Kurt Mortensen: “Capire come pensa il tuo pubblico”, “Meccanismi subconsci” e “Story Selling – lo strumento di potere dei persuasori”.

SCARICALI QUI

e ti offro adesso una interessante quota di partecipazione, con incluso l’abbonamento annuale a VENDERE DI PIU’, valida fino al 30 di settembre 2011.

Guarda l’offerta qui.

Nel prossimo post che pubblicherò settimana prossima ti presenterò Beau Toskich.

Buone Vendite!

Sandro

Se non hai mai sentito parlare di lui ti sei perso qualcosa di speciale. Il suo palcoscenico, la strada; il suo prodotto, un pelapatate.

Joe Ades, l’uomo che per anni ha venduto a 5 dollari un pelapatate svizzero per strada. Noto a molti come il signore dai capelli bianchi che vendeva pelapatate appena fuori dalla Union Square Greenmarket di New York. Ne ha venduto a milioni  sicuramente amava la strada, anche se è stato tutt’altro che un  uomo senza fissa dimora.

Joe Ades è stato oggetto di numerosi articoli su riviste che raccontano il suo percorso quasi dickensiano: da Manchester, in Inghilterra, alle strade di New York City.

In questa foto un articolo pubblicato su Vanity Fair.

Il New York Times offre un tributo a Joe Ades, uno dei personaggi veri di New York. Suoi profili si trovano sul Daily News, Vanity Fair , News Network e Wikipedia.

C’era qualcosa di speciale in Joe Ades, il venditore ambulante di strada più attraente.

Ciò che la maggior parte della gente non sapeva su Joe Ades è che lui viveva in un appartamento di Park Avenue, e guidava una Bentley. Di giorno, indipendentemente dal tempo, al suo banchetto vestito in giacca e cravatta a vendere pelapatate. La sera frequentava i migliori ristoranti sul lato est di Mahattan.

Viveva in un appartamento Upper East Side, pranzava in ristoranti costosi e indossava abiti Chester Barrie di fabbricazione inglese e audaci camicie e cravatte di Turnbull & Asser.

Beveva solo champagne e mai da solo. La sua marca preferita era Veuve Clicquot. Tutto questo l’aveva raggiunto grazie alla sua efficacia come venditore.

Perché aveva così tanto successo? Joe era un trascinatore,  l’uomo giusto per fare affari.

Ha sempre creduto nel suo prodotto, e sapeva che un buon prodotto, ha il potere di fare grossi volumi di vendita. Credeva nel suo prodotto, credeva in sè stesso, e amava quello che stava facendo, non aveva paura di lavorare duro. L’uomo con gli abiti da mille dollari vendeva il suo pelapatate a 5 dollari negli angoli delle strade della città di New York per sei giorni alla settimana, dieci ore al giorno. Joe Ades è una fonte di ispirazione per tutti gli uomini che vogliono fare affari. “Se hai un buon prodotto la gente verrà da voi a cercare il prodotto, e farete i soldi per la quantità che ne vendi, non dal singolo valore di ciascuno.”

“Amava la strada più che ogni altra cosa – dice sua figlia Ruth – aveva imparato i trucchi dell’arte della vendita da adolescente in Inghilterra, durante la seconda guerra mondiale. Il suo percorso da venditore nacque dopo l’esposione di una bomba, nel bel mezzo del centro di Manchester. Fu lì, in mezzo alle macerie, che trovò la sua vocazione. Girando tra i mercatini improvvisati sorti dal nulla, fu incuriosito dalla merce: lacci delle scarpe, miscele per la tosse e ogni genere di piccole cose; i venditori erano per lo più uomini molto più anziani di lui, rimase impressionato più che altro dal loro modo di vendere: erano uomini di spettacolo e che la maggior parte degli oggetti venduti per strada erano piccole cose quotidiane a prezzi molto economici. Fu per lui una lezione importante: non sottovalutare mai una piccola somma di denaro. È stata una lezione che mio padre non ha mai dimenticato.”

Ben presto il ragazzo di Manchester iniziò ad attrarre le proprie folle. Prima in Inghilterra, poi in Australia e in Irlanda prima di trasferirsi a New York City nel 1980.  Joe ha venduto un sacco di cose da quando aveva 15 anni. “Ho venduto cose più economiche prima del pelapatate.” dice Joe. “La gente diceva: ‘Come si può fare soldi vendendo qualcosa per un dollaro? Si vende molto, eccome. Molto. C’era un tizio in Trafalgar Square che vendeva pacchetti di becchime ai turisti. Vendeva per uno scellino un pacchetto di mangime per piccioni. Possedeva condomini, così va la storia.”

Non ha mai detto a nessuno quanti pelapatate ha venduto, probabilmente perché curava solo la vendita – che era la cosa che aveva fatto per la maggior parte della sua vita – biancheria, tessuti, gioielli, giocattoli e libri per bambini. Poi, facendo un giro in una fiera, qualcuno stava vendendo pelapatate e lo vide come un fantastico articolo da vendere per la strada.

Dai libri per bambini, optò per i pelapatate. “I libri erano troppo pesanti da portare in giro.” disse Joe.

“Era molto entusiasta delle carote”, afferma Sara Mason, un assistente di merci a Barnes & Noble che lo vedeva lavorare. “E anche delle patate.”

In realtà, Joe credeva che il suo pelapatate, scoperto in fiera, poteva affettare di tutto, ma saggiamente scelse di concentrarsi su carote e patate. “Faceva sembrare la cosa davvero divertente”, dice Julie Worden, un suo ammiratore. “La sua voce, non si poteva fare a meno di notarla”, dice Gordon Crandall, riferendosi all’accento britannico da annunciatore radio di Joe.

Il suo trucco, secondo David Hughes, è stato quello di parlare con un tono di voce molto alto.

Joe mi diceva: “Non bisogna aver paura di parlare con sè stessi a voce alta”.

Il suo era un particolare tipo di teatro da strada. Era ipnotico.

Joe Ades nell’attirare l’attenzione della gente era un artista.

Come un attore, aveva un senso del ritmo e dei tempi.

Una volta che iniziava a parlare ad alta voce, qualcuno cominciava a fermarsi solo per vedere il suo stile appassionato di vendita.

Con bidoni pieni di verdure, Ades dimostrava l’utilità del suo sbucciatore d’acciaio inossidabile svizzero che ha fatto di lui un uomo ricco (uno per $ 5, due per $ 10, cinque per $ 20).

Era come se parlasse a sè stesso, assorto nella gioia nel pelare carote e patate.

Abilmente, mostrava come fosse facile tagliare alla julienne o in stelle le carote.

(“Falle così per i tuoi bambini e li vedrai mangiare verdure”).

Un performer nato, Joe aveva fatto del marciapiede il suo palcoscenico.

“Se tu lo fai bene, vieni pagato, lo fai male, non vieni pagato”, ha detto in una intervista del 2008.

“E’ così semplice”. “Devi far provare un brivido, sempre un brivido”.

Ha venduto pelapatate svizzere di alta qualità per 15 anni tra il 1994 e il 2009.

Joe Ades fece abbastanza soldi da permettersi abiti da $ 1000 e un appartamento in Avenue Park.

Si dice che una volta fece $ 100.000 in un week-end.

“E’ un modo molto facile per ottenere una folla”, egli spiega.

“Quando sei giù in basso, la gente che passa può vedere la parte posteriore della folla, ma non sanno cosa stanno osservando.

Devono fermarsi e guardare per vedere che cosa quelle persone stanno guardando.

Una donna si ferma a guardare. Poi un altro. E un altro ancora.

Il vecchio venditore li ignora fino a quando i tre sono uniti da un cerchio di altre persone.

Solo allora alza lo sguardo e porgendo una carota lunga…

“Qui”, dice tranquillamente a una donna, “provi lei da sola. Basta tirare il pelapatate lungo la carota. Rapidamente”.

E col suo stile inglese le fa un sorriso.

Joe continua la sua dimostrazione.

Le persone in fondo alla folla non vedono perché lui resta seduto.

“Avvicinatevi”, sussurra.

“Io non chiedo soldi.”

“Potete continuare lo stesso a tenere sott’occhio il vostro orologio. ”

“La donna fruga nella borsetta, tira fuori alcune banconote e le dondola li davanti.

Egli ignora i soldi.

“Ora, perché dovresti comprare quattro pelapatate se durano tutta la vita?” Chiede retoricamente.

I suoi occhi finalmente prendono contatto con la donna che ha in mano cinque dollari.

“Beh, avrai quattro amici,” il vecchio risponde alla sua stessa domanda.

“ecco perché puoi comprare altri quattro pezzi!”

E lei lo fa…
Si dice che nel Café Pierre dove andava a sorseggiare champagne, alcune persone gli chiesero cosa facesse per vivere.

Alzando il suo bicchiere per lo stelo, Joe avrebbe detto semplicemente: “Io vendo pelapatate”.

“Che cosa fai?”: nessuno credeva che la sua risposta

“Io vendo pelapatate per strada.”

Nelle mani di un buon venditore, anche un semplice pelapatate può avere grande fascino.

In una città da un milione di storie come New York, Joe Ades spiccava in mezzo alla folla come un elegante e  affascinante ambulante che vendeva un semplice strumento…

Un pelapatate appeso in un negozio in vendita per un dollaro ha una potenzialità.

Deve essere dimostrata. Per questo Joe amava i pelapatate. “Mi piace per diversi motivi”, diceva.

“E’ portatile, funziona alla grande, non ho mai sentito una lamentela. Mai e poi mai.”

Camminando per le vie, spingendo il suo carrello spesso veniva fermato da sconosciuti che gli dicevano con il cuore: “Signore, sei il più grande venditore di New York!”

Gli piaceva, il riconoscimento e non è mai stato scortese, ma in privato ha cavilli circa l’uso della parola “venditore”.

“Io non potevo vendere” spiegava.

“Non riuscivo a vendere immobili o automobili, per esempio.”

“La cosa più insolita che ho venduto, comunque sono stati alberi di Natale nel mese di febbraio.”

“Vendute a Chinese New Year’s!”
Quello che mi piace fare è stare ad un passo da una folla, giocare insieme e lì mi danno i loro soldi.”
Joe Ades morì il 1 febbraio 2009.
La sua filosofia era che una piccola quantità di denaro si costruisce rapidamente”, ha detto la figlia Ruth.

Ha venduto decine di migliaia di pelapatate.  Fate i conti!

Lui lo ha fatto anche per me, in modo che avessi potuto frequentare la Columbia University.
“Qual è stata la chiave del successo di tuo padre?”  Le hanno chiesto.

“Tenacia e pazienza”, è stata la risposta di Ruth.
Ruth ora ha deciso di seguire le orme di suo padre. A casa ci sono ancora scatole di pelapatate.

“Sono tutti confezionati, vengono dalla Svizzera. Papà li ha importati direttamente da sè” dice Ruth.

“Mi sento molto vicina a mio padre quando lo faccio.”

“Voglio dire, mi rende triste che lui non è qui. Penso spesso quando lavoro che il mio papà, sia lì in piedi alla periferia della folla, a guardarmi.”
“Papà mi diceva ‘Perchè non vuoi imparare a vendere i pelapatate?’

‘Perché qualcuno dovrebbe essere in grado di sostituirti’. – risposi –

Questo è il mio grande rimpianto: non aver imparato il pelapatate quando era vivo, e, sai, avremmo potuto lavorare insieme.

‘Sì, lo farò papà, quando sarò pronta.’ ”

Ora Ruth è pronta.

Nel giardino della vita, grandi cose possono crescere da piccoli inizi… a condizione che vengano coltivate costantemente…

È per questo che Joe da prima dell’alba ogni giorno spingeva il suo carretto di pelapatate per le strade.

E un giorno, un tizio  gli chiese:

“Non ti prendi mai una vacanza?” con il passo veloce per stargli accanto.

Joe rise e rispose:  “La vita è una vacanza! Ogni giorno è una vacanza.”

E aggiunse: “Penso che il segreto della felicità. Non sia solo poter fare quello che ti piace, ma amare ciò che fai. ”

Ora goditi un video di Mr. Ades in azione
che coglie l'essenza
di questo affascinante professionista di vendita.
Guarda e impara, controlla la ragazza
che era in piedi in lontananza.
Non appena ha interagito con il pubblico
è stato agganciata.
Imparare il mestiere.
Buone vendite!
Sandro
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.
42 ebook gratis
Parole per vendere
La Vendita Win-Win


Messaggi subliminali nel tuo pc
I Principi di Stephen R. Covey
I Principi di Stephen R. Covey - Libro
Gli insegnamenti dell'autore di management più influente degli ultimi 20 Anni in una selezione tratta dai suoi più efficaci best sellers
€ 15
Organizzati la Vita!
Archivio
Categorie